Al giorno d’oggi, nella gestione e promozione di un locale, in particolare un bar, non si può certo tralasciare la presenza online. Certo, nel caso di attività locali la pubblicità è ancora molto ancorata a volantini, locandine e soprattutto passaparola, ma le leve digitali possono sicuramente dare una mano, in maggior modo se la location prescelta è posizionata in una città, e non in un piccolo paesino.

Questo non significa “via libera, utilizziamo ogni strumento possibile e immaginabile” perché, anche per la più piccole delle realtà, i ragionamenti che stanno dietro alla comunicazione devono essere fatti con criterio così come la scelta dei mezzi di comunicazione migliori.

Per elaborare delle idee per attirare i clienti in un bar mediante la presenza online bisogna prima di tutto riflettere sulle basi che sostengono ogni scelta di marketing: target, competitor e immagine.

Marketing bar: le basi

Perché non prendere e copiare tutte le tecniche di marketing utilizzate da altri bar? Perché gli altri bar non sono il tuo. Prendere ispirazione è sempre una buona idea, ma un copia e incolla può spesso portare a risultati disastrosi.

Il target

Il tuo target è l’obiettivo di tutta la pubblicità. Se mandi avanti un pub per giovani festaioli, dovrai comunicare in una certa maniera. Allo stesso modo se il tuo locale è un bar per la colazione della domenica, non andrai certo a indirizzare la tua pubblicità ai ragazzini.

La prima cosa che devi fare quindi è riflettere sul tuo locale e sul tuo pubblico ideale, per poi poter lavorare al meglio e portare avanti piani di marketing sensati.

I competitor

Per avere successo devi conoscere i tuoi competitor, vedere cosa offrono e come lo offrono, e poi cercare qualcosa che ti diversifichi dalla massa, un valore aggiunto. La domanda che dovresti porti è: perché le persone dovrebbero venire nel mio locale?

L’immagine

Tutte le scelte di marketing devono essere in linea con la tua immagine, quella che hai scelto quando hai aperto il locale. L’incoerenza è la peggior nemica del successo in questo caso, il rischio è quello di confondere i potenziali clienti e non infondere in loro abbastanza fiducia. Certo, per un caffè la gente non si fa troppi scrupoli, ma alla lunga la coerenza paga.

Come pubblicizzare un bar con internet

Internet è uno strumento prezioso e non solo per grosse aziende: anche le piccole attività possono trarre vantaggio dall’utilizzo di questo mezzo di comunicazione. Alle persone piace essere aggiornate e coccolate e se cercano un servizio simile al tuo DEVONO poterti trovare.

Come pubblicizzare un bar con internet?

Come pubblicizzare un bar sui social

I social, se utilizzati bene, sono degli ottimi strumenti per pubblicizzare un bar. Si possono attirare clienti nuovi, mostrando loro ciò che offri effettivamente tramite delle foto, dal menù alle serate di festa e disco. Si può anche cercare di creare una community con i clienti già acquisiti: questi tools sono un canale di comunicazione particolarmente adatto in questo caso, capace di creare anche un certo tipo di legame che in alcuni casi trasforma i clienti acquisiti in portavoce straordinari.

Su queste piattaforme preme particolarmente una regola già citata, ovvero quella della coerenza, che si tratti di foto o di toni di voce: tutto deve essere in linea con l’immagine del locale.

Idee  promozionali bar: Google My Business

Nel caso di realtà locali non può certo mancare la scheda di Google My Business. È essenziale per la promozione di un bar poiché lo rende visibile nella SERP nel momento in cui un utente fa una ricerca su Google. Ovviamente, la scheda deve essere curata e con tutte le informazioni che potrebbero servire a un potenziale cliente per orientarsi.

Consiglio? Cerca di stimolare, tramite offerte e segnaletica posta nel locale, la scrittura di recensioni sono uno strumento promozionale potentissimo.

Rilanciare un bar con il sito e le piattaforme comparative

Per attività come ristoranti e bar non sempre è consigliata l’apertura di un sito, ma in alcuni casi potrebbe rivelarsi una tecnica vincente. Il consiglio è di cimentarsi nella costruzione di una piattaforma di proprietà solo se ha senso, se si ha qualcosa da comunicare (magari un valore aggiunto) o un’attività da fare eseguire all’utente (iscrizione alla newsletter? Richiesta di un preventivo per qualche evento?).

Mentre bisogna sempre essere presenti su Tripadvisor, e possibilmente su altre piattaforme comparative, soprattutto se la sede si trova in una località turistica. Il perché è presto detto: le persone ormai, se non per un pranzo veloce, si informano sempre prima di scegliere la loro meta designata per la cena o l’aperitivo, anche nel caso di piccole città. Inoltre, le recensioni che poi vengono lasciate, sono un ottimo strumento sia  per il passaparola che per migliorarsi, accogliendo anche le critiche costruttive.